Minari

LA STORIA. Una famiglia coreana si trasferisce in Arkansas dalla California. Non gliene andrà bene una e bisognerà anche gestire la nonna piromane. P.s. Minari è quel prezzemolo che mettono dappertutto e mi rende odiosa una parte dei loro piatti. Oltre che questo film.

PERCHÈ VEDERLO (O NON VEDERLO). Se non siete degli assidui frequentatori di Steinbeck e delle sue saghe familiari troverete il plot appena interessante. Se, invece, avete confidenza con Furore troverete Minari un noioso già sentito. La fotografia è meravigliosa ma per quella basta prendersi un bel libro illustrato. Candidato a sei premi Oscar ci fa capire quanto gli americani amino queste storie di stranieri a caccia del sogno stellestriciato. ATTENZIONE: se dite che Minari non vi è piaciuto risulterete antipatici in una giornata culturale a Capalbio.

NOTA DI MERITO. L’amico dei coreani che espia le sue colpe (la guerra di Korea) portando una croce la domenica. Un colpo al cerchio e uno alla botte. D’altra parte il regista Lee Isaac Chung è un po’ di qui e un po’ di lì.

VOTO

Classificazione: 5 su 10.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: