Il cattivo poeta

LA STORIA. Il mio compagno di classe Paolo Bonetti viene mandato al Vittoriale per controllare Gabriele D’Annunzio. Ne verrà fuori una fiction così scadente da far rimpiangere la presenza di Beppe Fiorello.

PERCHÈ NON VEDERLO. «Di ogni idea bella…se ne realizza sempre una versione più cupa». In queste parole del Vate tutta l’essenza di questo film. Certo, lui parlava del fascismo ma qui s’intende la cattiva riuscita di una pellicola dai dialoghi stanchi e meccanici che rimandano alla solita produzione televisiva che così tanto scalda i cuori dei vecchi amanti del tubo catodico. Peccato, perché il Lago di Garda appare in tutta la sua magnificenza, così come sarebbe se non ci fossero i tedeschi ad ammorbarlo (i turisti, non i nazisti…). Il Vittoriale degli Italiani (andate a visitarlo, bestie!) è un set dalla bellezza stordente per un prodotto che rimbambisce per la sua pochezza narrativa. Nonostante Castellitto, qui nella sua versione Padre Pio più che in quella Non ti muovere.

NOTA A MARGINE. I fasssisti sono sempre dei cattivoni ma dentro il giovane idealista alberga il germe della resistenza. E, alla fine, italiani brava gente. Sigh.

VOTO.

Classificazione: 5 su 10.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: